Tasto pausa

 Convitato#SplitShire-09597Tasto Pausa di Lucia Ghirotti

Due che si amano e poi basta, niente, la storia si è interrotta, non si vedranno più. Lui ha promesso, a lei, a se stesso, al ricordo di come era essere lui e lei, di non cercarla più, di chiuderla lì, con l’immagine di lei che esce un giorno come tanti, e che invece è l’ultima volta, l’ultimo giorno. Lo sappiamo, le promesse fatte a chi si ama non reggono, quando sono rimaste delle cose da dire. E per dirle, queste cose, lui andrà a cercarla nell’ultimo posto in cui vorremmo immaginarla. Il racconto è breve, ha una sua semplice immediatezza, potrebbe essere un piccolo monologo teatrale, ma ha anche una struttura precisa e particolarmente efficace, una sua pervasiva dolcezza che si fa strada attraverso l’ironia, con un finale che ho trovato delizioso. Il narratore è un ragazzo, sempre un ragazzo, non importa cosa gli sia accaduto, l’autrice non lo perde di vista, non deforma la sua voce per correre dietro al tema, la usa. Il ragazzo ha un volto, un paio di difetti comuni, un senso dell’umorismo come tanti, è un tipo simpatico e ha una voce: quella con cui ha amato, quella con cui sta soffrendo, e io gli credo. Ecco perché tra tanti ricordavo questo racconto. Ah, un’ unica polemichetta: Breaking Bad non svacca mai, cazzo.

Il racconto lo trovate QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: