Festino furtivo#Inventario

Sono al cinema. Assisto alla proiezione del film. Assisto. Come la levatrice che assiste a un parto e nello stesso tempo assiste la partoriente, sono presente al film secondo la modalità doppia (e tuttavia unica) di essere-testimone e di essere – aiutante, lo aiuto a vivere, perché è in me che vivrà e perché è fatto per questo: per essere guardato, vale a dire per non arrivare a esistere che sotto lo sguardo. Il film è esibizionista, come lo era il romanzo classico del secolo scorso, con intreccio e personaggi, questo romanzo che il cinema imita (semiologicamente), che prolunga (storicamente), che sostituisce (sociologicamente, perché lo scritto ha preso oggi altre strade)

Christian Metz, Il festino furtivo, traduzione di Antonio Costa, dalla rivista Cinema e Cinema, anno 4, numero 13, 1977.

#inventario #taccuino #immaginario #christianmetz #lagrandesintagmatica #analisidelfilm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: