Chi sono

EMANUELA COCCO
Qualcosa di personale.

Da bambina guardavo tanti film horror, mi identificavo con la protagonista di Occhi senza volto e con L’abominevole Dr Phibes. A volte ho voglia di svenire d’orrore con Heinrich von Kleist. Venero l’opera di Alberto Laiseca, il suo modo di rappresentare l’orrore e di uccidere l’architrama classica. Ho l’abitudine di scrivere di Notte ascoltando Death Metal. Odio il telefono. Credo solo nei mentori morti e Rainer Werner Fassbinder  è il mio dottore.

Qualcosa che ho scritto

Un romanzo. Un saggio breve sulle epifanie sensibili di Pablo Simonetti. Una parola per il Vocabolario Minimo delle parole inventate. Una Mappa, per Le parole Sono importanti. L’inizio di un romanzo d’appendice per Malgrado le mosche. Una storia di Jungla per Verde rivista. Una lettura critica di What Ever Happened to Baby Jane?, per Mr Hyde – Frammenti. Una storia Fredda per Succede Oggi.

…la mia sola misura è la frase, faccio le frasi

Virginia Woolf, Le onde.

Ho scritto per il teatro e per la TV, come autrice e come critica.  Ho pubblicato drammaturgia, racconti, saggi di analisi letteraria, e un romanzo. Mi annoiano le recensioni, mi piace fare analisi letteraria. Sono redattrice della rivista di drammaturgia contemporanea Perlascena. Ho fondato e dirigo, insieme a F. M. Franceschelli, Terra di Nessuno, uno spazio di critica della drammaturgia. Miei racconti, e contributi di critica letteraria, sono stati pubblicati su webzine e riviste, tra cui: “Achab”, “AmnesiaVivace”,“Script”, “Lo Spazio Bianco” “Verde”, “L’irrequieto”, “CrapulaClub”, “La Caverna di Epicuro”, “Donne Difettose”, “Malgrado le mosche”, “In fuga dalla bocciofila”, “Horror”, “Flanerì”, “Succedeoggi”. Con il racconto Mappa ho partecipato alla raccolta “Le parole sono importanti”, Dots Edizioni, 2018. Con il racconto Demiurnare ho partecipato alla raccolta “Vocabolario minimo delle parole inventate”, a cura di Luca Marinelli, Wojtek, 2019

Con il racconto Nel verde sono finalista della call per racconti brevi “Oltre il velo del reale” organizzato dal Premio Calvino insieme alla rivista L’Indice e al Mufant di Torino.

Tu che eri ogni ragazza, Wojtek 2018, è il mio primo romanzo.

Leggi la BIO COMPLETA

Qualcosa su quello che scrivo

Quando qualcuno legge i miei testi, o mi coinvolge in una conversazione, le sue parole finiscono QUI.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: